venerdì 5 febbraio 2016

Verso Lombardia 2018 (ma anche prima!): tappa a Pioltello



Giovedì 18  febbraio, a partire dalle 21.00 presso Cascina Dugnana in via Aldo Moro 19 incontro con il segretario regionale Alessandro Alfieri per parlare del futuro della nostra regione


Il 30 ottobre scorso è iniziato il tour “Verso Lombardia 2018 (ma anche prima!)”, una serie di incontri nelle province lombarde organizzato dal Partito Democratico regionale in collaborazione con il gruppo consiliare, le Segreterie provinciali e i Giovani Democratici. Si tratta di una prima occasione di coinvolgimento per tutte le democratiche e i democratici lombardi, in vista dell’obiettivo ambizioso di vincere le prossime elezioni regionali e portare il centrosinistra al Governo della Lombardia. 

Vogliamo costruire il profilo di un Partito che in Lombardia governa già, e lo fa bene: centinaia di amministrazioni locali, tra cui la quasi totalità dei comuni capoluogo e delle province. Ora è la volta della Regione.

Faremo tappa a Pioltello il giorno giovedì 18  febbraio, a partire dalle 21.00 presso Cascina Dugnana in via Aldo Moro 19: all’incontro, che sarà aperto dal nostro Segretario regionale Alessandro Alfieri, sono invitati, amministratori locali, iscritti e simpatizzanti.

Per ascoltare le tue proposte e raccontare il nostro lavoro in Consiglio regionale, nei Comuni, e nel Partito.

martedì 26 gennaio 2016

Ritiro deleghe di Maurizio Rosci: la posizione del Pd

«Venuto meno il rapporto di fiducia con il sindaco. Ne prendiamo atto, ora avanti con coesione e spirito di squadra»

Martedì 26 gennaio il sindaco Eugenio Comincini ha revocato deleghe ed incarico di Assessore a Maurizio Rosci. «Il Direttivo del Pd è stato informato direttamente dal Sindaco  di quanto accaduto», spiega il segretario del circolo di Cernusco sul Naviglio del Partito Democratico, Daniele Mandrini. «Abbiamo colto nelle parole del primo cittadino una profonda delusione per l’evolversi di una situazione che non si aspettava potesse così drammaticamente concludersi, tuttavia la fermezza e decisione con cui ci ha manifestato la sua volontà di far cessare il suo rapporto amministrativo con Maurizio Rosci ci ha convinto a prendere atto, con rammarico, che nulla poteva essere fatto per recuperare una fiducia che era evidentemente persa».

Il sindaco ha spiegato al direttivo che al numero e all'importanza delle deleghe attribuite a Maurizio Rosci deve corrispondere la massima lealtà oltre che verso il Sindaco anche verso l’intera Giunta. «La fiducia attribuita dal Sindaco a ciascun assessore», aggiunge Mandrini, «esige una forte condivisione dell’unitarietà dell’azione dell’intera coalizione nel suo complesso, senza che nessuno possa ritenere di essere autonomo e indipendente da un vincolo di squadra con l’intera compagine di maggioranza».

«Una questione personale che si accompagna, dunque, ad un’idea di azione amministrativa che vogliamo fare sempre più nostra insieme con il Sindaco ed i nostri alleati: solo il gioco di squadra ci consente di raggiungere grandi risultati», spiega Mandrini.

«Riteniamo che l’apporto dato da Maurizio Rosci a numerosi progetti sia la prova della sua generosità e capacità amministrativa, a tali risultati ha contribuito lui, come molti altri. Lo ringraziamo per il lavoro svolto. Il direttivo del Pd di Cernusco rinnova la sua fiducia alla Giunta Comincini e si augura che questi 18 mesi che ci separano dalla fine del mandato siano contraddistinti da una forte unità di intenti e da spirito di coesione. Non è una crisi di Giunta, come ha precisato il sindaco. Giunta e maggioranza continueranno ad operare nell'interesse della città. E il Pd sarà al loro fianco».

Qui il post del sindaco Eugenio Comincini

Quest'oggi ho revocato l'incarico di Assessore e le relative deleghe a Maurizio Rosci. Una serie di fatti accaduti...
Pubblicato da Eugenio Comincini su Martedì 26 gennaio 2016

martedì 22 dicembre 2015

Banche, facciamo chiarezza

Dopo il caso delle 4 banche una riflessione sul diritto-dovere dei cittadini di informarsi sui rischi finanziari e sul ruolo delle Amministrazioni


di Elena De Riva


In questi giorni sembra che tutti siano concentrati sulla vicenda delle 4 banche (Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti) che sono state salvate con decreto del consiglio dei Ministri lo scorso 22 novembre. Non si tratta di un salvataggio vero e proprio, perché i 3,6 miliardi necessari per risollevare le sorti degli istituti di credito non verranno tirati fuori dal Governo, ma da altre banche: Intesa San Paolo, Unicredit e UBI banca. Non si utilizzerà quindi capitale pubblico.

E allora dove starebbe il problema?

Il problema sembra legato al fatto che il decreto salva-banche ha di fatto azzerato il valore delle obbligazioni subordinate in mano agli investitori, i quali hanno quindi visto andare in fumo i loro  accumulati forse in tutta una vita. Questo almeno è quanto sembra sia accaduto al pensionato suicida di Civitavecchia.

L’attrazione di obbligazioni subordinate rispetto a quelle di altri strumenti finanziari come le obbligazioni ordinarie deriva dal maggior rendimento che le prime garantiscono rispetto alle seconde. Un maggior rendimento necessario per compensare il maggior rischio. Le obbligazioni subordinate infatti costituiscono, al pari delle obbligazioni ordinarie, un debito che la banca ha nei confronti dell’investitore, ma, diversamente da queste ultime, in presenza di una procedura fallimentare, vengono rimborsate “subordinatamente” (da qui il nome) ad altri creditori aventi maggiori diritti: il fisco, i depositanti, i dipendenti, i detentori di obbligazioni ordinarie.

mercoledì 25 novembre 2015

#IdeeSulNaviglio, i Giovani Democratici al lavoro

Domenica 29 novembre, ore 16, piazza Matteotti 20 a Cernusco sul Naviglio tre tavoli di lavoro per progettare il futuro

I Giovani Democratici di Cassina e Cernusco hanno organizzato un'iniziativa stupenda, IDEE SUL NAVIGLIO.
Tanti relatori, tre tavoli di lavoro e di discussione.

Scegli l'argomento che più ti interessa, partecipa e dì la tua!
‪#‎IDEESULNAVIGLIO‬
‪#‎GDCassinaCernusco‬




mercoledì 18 novembre 2015

Dopo Parigi, ha ancora più senso parlare di immigrazione

L'invito di Matteo Renzi: discutiamo di tutto, ma non banalizziamo. Lunedì 23 in Biblioteca parleremo di immigrazione e rifugiati, senza facili e propagandistiche ricette, ma per approfondire e capire



“L’Italia piange le vittime di Parigi e si unisce al dolore dei fratelli francesi. L’Europa colpita al cuore saprà reagire alla barbarie”. Così Matteo Renzi sugli attentati di Parigi che, però, chiarisce il presidente del Consiglio, non devono far cambiare la strategia di accoglienza dei rifugiati messa faticosamente a punto nelle scorse settimane dall'Europa: «La questione dei rifugiati l'Europa la deve affrontare per essere credibile con se stessa; andiamo avanti con le nostre decisioni con molta tenacia ma chi dice che i rifugiati sono terroristi dice una cosa non vera. Se dici ‘chiudiamo le frontiere’, come alcuni hanno fatto in questi giorni, devi dire che lo fai per tenerli dentro, perché gli assassini nella stragrande maggioranza dei casi sono nati e cresciuti in Europa. Di certo la maggior parte dei rifugiati scappa dal terrorismo, dalla dittatura, dalla guerra, dalla fame. Dunque discutiamo di tutto ma non banalizziamo e restiamo uniti come paese su queste questioni».

E il Pd di Cernusco risponde a questo appello, invitando a discutere senza banalizzare sul fenomeno migratorio, sui rifugiati, sul ruolo della politica e di ciascuno di noi. Vi aspettiamo lunedì sera in Biblioteca



giovedì 12 novembre 2015

Oltre il confine ci siamo noi: lunedì 23 si parla di immigrazione





"Oltre il confine ci siamo noi - Politica e comunità di fronte alla sfida immigrazione"

Lunedì 23 novembre, ore 21, Biblioteca Civica Lino Penati a Cernusco sul Naviglio, un incontro per parlare di accoglienza, solidarietà, scelte politiche oltre la logica dell'emergenza in campo migratorio


Dal 7 ottobre a Cernusco sul Naviglio è attivo un progetto di accoglienza realizzato in collaborazione tra Comune, Comunità Pastorale, Caritas cittadina e cooperativa Farsi Prossimo per dare ospitalità a un piccolo numero di profughi, così da offrire loro adeguato accompagnamento durante la loro permanenza. Un gesto concreto che va nel segno di una tradizione di solidarietà e disponibilità della comunità cernuschese.
Partiremo da questa esperienza, fortemente sostenuta dal Pd di Cernusco, per una serata nella quale ragionare di immigrati, profughi e rifugiati, del ruolo della politica, di quello del sociale, del ruolo dell'Europa.


A parlarne, insieme al sindaco di Cernusco sul Naviglio e vicesindaco della città metropolitana di Milano Eugenio Comincini e all'assessore alle Politiche Sociali Silvia Ghezzi, ci saranno:


Roberto Cociancich, senatore, membro della Commissione Esteri e della commissione Affari Europei

Daniela Pistillo, responsabile Immigrazione PD Milano



Lunedì 23 novembre, ore 21, Biblioteca Civica Lino Penati a Cernusco sul Naviglio

mercoledì 11 novembre 2015

Pubblica amministrazione e welfare: parliamone

Lunedi 16 Novembre ore 21.00 
presso Auditorium scuola media C. Baroni Via S. Francesco d'Assisi Carugate, vi sarà un incontro organizzato dalla zona su:
LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINSTRAZIONE
Cosa cambia per i Comuni?
con la partecipazione di:
On. Angelo Rughetti, Sottosegretario al Ministero della Pubblica Amministrazione e della Semplificazione
On. Simona Malpezzi, Camera Deputati
Alberto Fulgione, Segretario PD Adda-Martesana
Paolo Grimoldi, Vice Sindaco di Carugate





Mercoledì 25 Novembre, ore 21.00

presso il Circolo PD di Gorgonzola in via L. Da Vinci è convocato un incontro di zona sul WELFARE:

"Il sistema sociosanitario, presidi ospedalieri e territorio"